La storia dei limoni di Sorrento

Login Registrati

La storia dei limoni di Sorrento

La storia dei limoni di Sorrento


Secondo la tradizione il limone fu importato nella zona del napoletano dagli ebrei all’ incirca nel I secolo a.C. La coltivazione di questo prodotto già in un'epoca così antica è infatti attestata dalle rappresentazioni dei mosaici rinvenuti a Pompei in cui spesso compaiono limoni. E da numerose altre testimonianze ritrovate lungo la costiera amalfitana. Le prime notizie su una coltivazione specifica di limoni risalgono al 1600 e sono relative ad un gruppo di gesuiti che dedicarono a questa coltura parte delle terre del loro monastero situato a metà strada tra Sorrento e Massalubrense. Dal 1800 in poi i limoni di Sorrento contemporaneamente a quelli di Amalfi acquisirono una sempre maggiore notorietà tanto che all'inizio del 1900 i limoni della penisola amalfitana venero addirittura quotati alla borsa di New York. La coltivazione di limoni è andata quindi sempre più espandendosi nei secoli fino a diventare una vera nota caratteristica dei passaggi del golfo napoletano e di quello salernitano. Oggi grazie all’intelligenza dei coltivatori che hanno mantenuto il tradizionale metodo di produzione. Basato su terrazzamenti in cui vengono impiantati i limoneti. Protetti dalle tipiche pagliarelle.i limoni sorrentini godono di una fama mondiale.








Esprimi un giudizio


Media Voti:0 su 5


Numero di voti: 0